AIAFF

prima-relazione-di-ansfisa

Prima Relazione di ANSFISA

Il 29 aprile 2021 è stata presentata la prima Relazione annuale dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e delle Infrastrutture stradali e autostradali e alla presenza del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini.

 

“Ritengo necessario un investimento straordinario – ha dichiarato il Ministro Giovannini – per assicurare l’efficienza delle infrastrutture e la sicurezza dei cittadini. L’innovazione tecnologica e dei materiali può̀ consentire un salto di qualità̀ nella gestione delle reti infrastrutturali, ma va accompagnato con un ampio cambiamento di visione che si traduce nella nuova cultura della sicurezza di cui l’ANSFISA si sta facendo garante, attraverso la costruzione di un modello uniforme per la gestione, la manutenzione e la messa in sicurezza della totalità delle nostre infrastrutture, sia stradali che ferroviarie”.

 

Fabio Croccolo, direttore di ANSFISA ha dichiarato “Il nostro impegno si traduce in un crescente coinvolgimento dei gestori delle infrastrutture e delle aziende di trasporto che con Sistemi di Gestione della Sicurezza certificati dovranno programmare la manutenzione e il controllo dei rischi nella loro area di competenza. L’ANSFISA promuoverà una sicurezza proattiva e costante su questi processi”.

 

ANSFISA punta quindi sul promuovere una nuova cultura per la sicurezza delle infrastrutture per sviluppare un sistema dinamico, basato sulla prevenzione e sulla chiarezza delle competenze dove la formazione del personale sarà fondamentale e strategico per assicurare una maggiore sicurezza ferroviaria.

Ciao, puoi dedicarci un minuto del tuo tempo⏳per contribuire alla nostra crescita❓ Prima di scoprire la nostra offerta facci sapere come tu hai scoperto i corsi di Aiaff:
× Contattaci

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi